3.11.18

DANIELA TREPPIEDI, A stragi pi lu pani

*Testo di Daniela Treppiedi, 
musicato da Antonio Lauricella

ETTORE DI VENTURA, Intervento al convegno "Lelio Basso e Pio La Torre, due vite parallele per la democrazia e la legalità costituzionale


Oggi, grazie all’impegno profuso da varie realtà che sono parte integrante della nostra Comunità, commemoriamo un episodio drammatico durante il quale il cuore della nostra Città fu imbrattato di sangue innocente.
A quarant’anni dalla scomparsa di Lelio Basso, riportiamo alla ribalta un evento conosciuto a pochi, convinti che sia doveroso rinnovare il ricordo della nostra Storia e di coloro che hanno perso la vita per seguire degli ideali.

SALVATORE VAIANA, La strage di Canicattì nei convegni di Canicattì e Palermo

Il 7 aprile 2018, al Teatro Sociale di Canicattì si è svolto il convegno “Lelio Basso avvocato in Sicilia per la strage di Canicattì del dicembre 1947” organizzato dal Centro di studi e iniziative culturali “Pio La Torre” di Palermo in collaborazione con la Fondazione “Lelio e Lisli Basso” di Roma, realizzato con il contributo dell’Assessorato Regionale dei Beni Culturali e dell’Identità Siciliana. 

MASSIMO RASO, Intervento al convegno "Lelio Basso e Pio La Torre, due vite parallele per la democrazia e la legalità costituzionale

Intervengo molto velocemente per non togliere ulteriore spazio, per non appesantire la nostra discussione.
         Sono davvero contento perché oggi noi rimediamo ad un debito che avevamo con la Storia.

INSALACO ANTONIO, Intervento al convegno "Lelio Basso e Pio La Torre, due vite parallele per la democrazia e la legalità costituzionale

Un saluto a tutti, 
e mi consentite di esprime due parole precise, sarò brevissimo, perché io non sono un testimone del tragico 21 dicembre del 1947, ma sono uno che ha vissuto quel tragico fatto. 
Non fu una strage il 21 dicembre, è inutile che si dice che è una strage; è stato un movimento di lavoratori, di braccianti che quattro giorni prima di Natale, quattro giorni prima c’erano migliaia di persone, di braccianti senza lavoro, e morti di fame, che sono scesi da tutti i quartieri con le bandiere, da Sant’Eduardo, da Borgalino, dalla Madonna della Rocca, da tutti i quartieri, e sono convenuti in Piazza IV Novembre. 

DANIELA TREPPIEDI, “I segni della memoria. Dalle memorie locali alle ricostruzioni storiografiche. Percorso didattico sulla strage del 21 dicembre 1947”

Il progetto pluridisciplinare sui diritti umani è stato operativo da marzo a maggio, si è svolto con diverse uscite didattiche, ricerche, lettura ed esame di documenti, saggi, libri e la realizzazione di prodotti didattici. 
Si è partiti dallo studio della storia locale della strage del 21 dicembre 1947, che ha contribuito a rendere consapevoli gli alunni del valore conoscitivo degli eventi del passato del proprio territorio e li ha aiutati a costruire un’identità culturale condivisa per diventare cittadini del mondo consapevoli, autonomi, responsabili e critici nel valorizzare le radici locali. 

DANIELA TREPPIEDI, Il diritto al lavoro come diritto sociale fondamentale

Lo studio della storia, all’interno del curriculum didattico, concorre alla formazione di un atteggiamento aperto all'indagine sul passato per meglio comprendere ed accettare le rapide accelerazioni della società contemporanea e alla partecipazione cosciente e responsabile degli alunni alla vita collettiva. Lo studio della storia locale, in particolare, mira a consentire il riconoscimento della cultura di appartenenza come fatto prezioso di memoria collettiva, consente inoltre allo studente di arrivare a riconoscerne e ad apprezzarne correttamente caratteri e valori, sapendo cogliere differenze e analogie che intercorrono tra la memoria storica ed il proprio vissuto.

ALESSIA GUCCIONE: Presentazione del saggio "L'ultimo canto del cigno" di Silvano Messina all'Istituto Galilei di Canicattì

Si è svolta sabato 28 aprile, presso l'aula Ficarra dell'II. SS. "Galilei" di Canicattì, la presentazione del libro del dott. Silvano Messina, "L'ultimo canto del cigno", edito da Aletti.
L'appuntamento con l'autore rientra nel ciclo di eventi organizzati dalla nostra Biblioteca, diretta oramai da anni dal prof. Salvatore Vaiana.

TERESA MONACA, Una lapide per la strage del pane a Canicattì, in memoria di Lelio Basso

Una lapide in ricordo della strage del dicembre ’47, da oggi a Canicattì, ad imperitura memoria.
Da mercoledì 19 settembre, una lapide affissa nel centralissimo Corso Umberto I a Canicattì, ricorderà la figura di Lelio Basso e il tragico episodio che funestò il 21 dicembre del 1947.

VINCENZO FONTANA,Intervento al convegno

"Lelio Basso e Pio La Torre, due vite parallele per la democrazia e la legalità costituzionale. Lelio Basso avvocato in Sicilia per la strage di Canicattì" (Canicattì, 7 aprile 2018)